Passa ai contenuti principali

Linux e avvio automatico di demoni

Su Linux, per avviare un demone all'avvio del PC, bisogna inserire lo script nella directory /etc/init.d/ e creare un link simbolico in uno o più runlevel:
  • 0 - Halt
  • 1 - Single-user text mode
  • 2 - Not used (user-definable)
  • 3 - Full multi-user text mode
  • 4 - Not used (user-definable)
  • 5 - Full multi-user graphical mode (with an X-based login screen)
  • 6 - Reboot
In Ubuntu, per velocizzare la creazione dei link simbolici nei runlevel esiste il comando update-rc.d . Il suo utilizzo è molto semplice:
update-rc.d nomedemone defaults

In CentOS esiste un metodo più avanzato per mantenere i link simbolici, con il comando chkconfig. Il suo utilizzo è altrettanto facile:
chkconfig --list
chkconfig --add foo
chkconfig --del foo


    Commenti

    Popolari

    Telegram: inviare messaggi su un gruppo da un bot

    Telegram è più che l'ennesima app di messaggistica. Se vi sono alcuni compiti semplici e ripetitivi (ad esempio l'invio di news su un gruppo) è possibile automatizzarli programmando opportunamente un Bot.

    In questa guida vedremo come inviare semplici messaggi su un gruppo. Per farlo, sono necessarie due informazioni: TOKEN del bot e CHAT_ID, ossia l'identificativo del gruppo.

    Step 1 - creazione del Bot Da Telegram cerchiamo @BotFather (http://telegram.me/BotFather).

    Dopo essere entrati nella chat, digitiamo il comando
    /newbot
    Inseriamo il nome che vogliamo dare, ad esempio
    Bot di test
    Infine, scegliamo uno username univoco e che termini con _bot, ad esempio
    BotteDiTest_bot
    Nel messaggio di risposta otteniamo il TOKEN, la chiave segreta che ci permetterà di sfruttare le API di Telegram.





    Step 2 - aggiunta del Bot nel gruppo Da Telegram entramo nelle impostazioni del gruppo, e aggiungiamo tra i membri il nostro bot.
    Per scoprire l'id del gruppo è sufficiente consultare gli a…

    Trasformare il tasto <invio> in <tab> nelle form HTML

    Molto spesso, mentre si compilano i campi di una form html, può venire spontaneo battere il tasto invio senza voler fare il submit della form. Tuttavia, salvo diversi accorgimenti, si ottiene così proprio il submit della form. In un'applicazione web, in cui vengono inseriti molti dati attraverso la tastiera, può essere utile assegnare al tasto d'invio lo stesso comportamento del tasto tab. Il seguente script, che ho trovato in un post sul forum codeigniter.com, fa uso di jQuery e fa al caso nostro. Ad ogni pressione del tasto invio sui campi di classe "enter" il focus viene spostato al campo successivo (di classe "enter"), a meno che non ci troviamo sull'ultimo campo (di classe "enter").
    <script type="text/javascript"> $(document).ready(function(){ $("input").addClass("enter"); //se necessario, rimuovere questa linea e assegnare la class="enter" ai soli campi sui quali si desidera trasformare e…

    Virtual field in Laravel/ Eloquent

    L'implementazione dei virtual field in Laravel è molto semplice, ma la documentazione ufficiale non è immediata. Vedremo qui come fare.

    I virtual field sono campi del model che non hanno corrispondenza nel database. Essi sono utili nel caso, ad esempio, si desideri riassumere più campi del model in un singolo "campo virtuale".

    Vediamo l'esempio della classe Fattura così definita
    Fatturanumero: Integer data_fattura: Datetime
    [...]
    Si desidera definire il virtual field descrizione_numero_data che restituisca la seguente concatenazione del numero e della data
    "Fattura numero 5 del 15/07/2000".

    In Laravel l'implementazione del virtual field avviene:

    implementando un Accessor, che restituisce la stringa desiderata;specificando il nome_virtual_field nell'array $appends del model.

    <?phpclassFatturaextends Model { protected$appends=array("descrizione_numero_data"); publicfunctiongetDescrizioneNumeroDataAttribute() { return"Fattura …